...........................................................................................................................................

L'ombra è l'opposto del sole, ma si nutre di esso.
Un cielo grigio non genera ombre: nessun contrasto, nessun pensiero.


...........................................................................................................................................

venerdì 24 novembre 2017

Sentiero marino

di sale coperto il sentiero
mi porta verso lidi assolati,
tornerei, si tornerei,
ma non ho che il cammino...
 
Gujil
 
Il sentiero è una via stretta, generalmente di larghezza non superiore a 2,50 metri, a fondo naturale e tracciato dal frequente passaggio di uomini e animali, tra terreni, boschi o rocce, in pianura, in collina o in montagna (dalla rete).
 
 

giovedì 23 novembre 2017

Anfratto e ripescare

anfratto
sostantivo maschile
[dal lat. anfractus -us, prob. di origine osca, accostato a frangĕre «rompere»] - TRECCANI -  

letter. – Luogo stretto e tortuoso o scosceso; stretta rientranza o cavità nel terreno: Per strade occulte e tortuosi a. (Buonarroti il Giov.); negli a. rocciosi e rupestri dei monti (Bacchelli).

... in un solitario anfratto
ripongo le cose ripescate
da dentro un sogno, solo un sogno,
eppure a volte mi sveglio...
 
Anonimo
del XX° Secolo
 frammenti ritrovati


Ripescare
[ri-pe-scà-re] verbo transitivo, (ripésco, ripéschi ecc.) - Sabatini Coletti -

1.- Pescare di nuovo; estens. tirare fuori dall'acqua qlcu. o qlco. SIN recuperare: r. il corpo del naufrago
2.- fig. Ritrovare qlco. perduto da tempo e quasi dimenticato SIN rinvenire: r. una lettera smarrita
3.- fig. Recuperare dal passato qlco. o qlcu., renderlo ancora valido SIN rilanciare, riproporre: r. un progetto

 
 
 

mercoledì 22 novembre 2017

Lettera


 
Lettera
 
Ti scrivo parole di fuoco con una matita rossa.
Se ti parlo del bacio è già un po' baciarti.
Barcellona, 1940
 
Josep Palau i Fabre
da Poesie epigrammatiche, 1940-42
 
 
 
 
quante ne ho scritte?
troppe, mai spedite, copiate;
amori perduti e lontani
qualche lacrima e rimasugli...

martedì 21 novembre 2017

Terra!


Acqua e terra:
paesaggi
 
1
È l'ora impercettibile che si fa notte.
E nessuno si chiede come si fa la notte,
che materia segreta va edificando la notte.
 
2
Mare, restituisci alla notte
l'oscurità che attiri nel tuo abisso.

 
3
Piove e il mondo si concentra nella pioggia.
L'acqua
resta assorta.
La Terra intera sta affondando nella pioggia.

José Emilio Pacheco 
da “Isole alla deriva” (1973-1975)
 
 
La Terra è il terzo pianeta in ordine di distanza dal Sole e il più grande dei pianeti terrestri del sistema solare, sia per massa sia per diametro. È il luogo primigenio degli esseri umani e nel quale vivono tutte le specie viventi conosciute, l'unico corpo planetario del sistema solare adatto a sostenere la vita come da noi concepita e conosciuta.
Sulla sua superficie, si trova acqua in tutti e tre gli stati (solido, liquido e gassoso) e un'atmosfera composta in prevalenza d'azoto e ossigeno che, insieme al campo magnetico che avvolge il pianeta, protegge la Terra dai raggi cosmici e dalle radiazioni solari .
(da Wikipedia)
 
 
colori, sensazioni, posti,
la mente ritorna a loro,
quelli felici, quelli lontani;
mi creo un mondo positivo...

lunedì 20 novembre 2017

Foci

Per foce si intende la parte finale di un fiume o altro corso d'acqua il cui corso affluisce in un altro corso d'acqua oppure in un lago o in un mare.
Esistono foci di tipo a delta fluviale e a estuario.
Una foce è il risultato dell'ammassamento dei detriti di un fiume o di un corso d'acqua provenienti dalle montagne sul fondo del mare o di un lago.

Nelle tane di riva,
sulla foce del vallone,
l'anguilla cerca il sale
dell'acqua, il mare,
dove ha visto la murena,
il polipo e l'ofiura;
un tuffo in tondo
prima di risalire fra
le morbide canne e
gli inganni dell'euforbia,
il fiume: vena
che abbandona,
verso l'alto, il mare.
 
Nico Orengo
da “Cartoline di mare”
 
Le foci si diversificano per via del moto ondoso del mare: sono deltizie quando il mare è poco ondoso, quindi i sedimenti si posano sul fondo del mare e il fiume si ramifica; sono invece a estuario quando sfociano soprattutto in un oceano perché un oceano ha il mare sempre ondoso, quindi i detriti si sedimentano ai lati della foce.
Infatti queste ultime sono influenzate dalla marea.
(da Wikipedia)
 
mi manca il mare, strano...,
una volta erano i monti,
ora mi manca la pace marina,
quella invernale, quella silente...

domenica 19 novembre 2017

Novembre inoltrato

Risultati immagini per novembre

Novembre
 
Io son novembre: i buoi
conduco all’aratura
e nella terra scura
nascondo i semi d’or.
Cadon le foglie, i rovi
splendon di bacche rosse,
s’empion rivi e fosse
e a me si stringe il cor
 
Diego Valeri
  

“Sono scomparsi i bei colori verdi e rosei della terra.
Le montagne, i campi, i piani sembrano lontani e velati.
Solo i torrenti si riempiono di suoni e il loro grido giunge alle case del paese. 
Risultati immagini per novembre terra arataIl sole ha uno splendore freddo e il cielo sembra allontanarsi e diventare altissimo.
Tutte le mattine la terra si desta come da un sonno faticoso. 
I movimenti degli uomini sembrano incerti, come quelli di chi pensa al suo avvenire.“

 Corrado Alvaro
da “Paesaggio di novembre” 

Novembre, mese distratto,
nel buio prepara l'inverno,
Novembre si cala nel ruolo,
la luce si dilegua nella bruma...

sabato 18 novembre 2017

Un infinito nulla

 Un infinito nulla
 
Un infinito nulla risale
dal nulla, per nulla,
mi assale, contrasta, affolla
l'anima intrisa di sogni;
poi contengo un singhiozzo,
lo peso in un solo gesto
e lo spolvero col vestito più bello,
quello di quando volavo...
 
Anonimo
del XX° Secolo
poesie ritrovate
 

Nulla
è un termine comunemente usato per indicare la mancanza o l'assenza completa di qualcosa.
Colloquialmente la parola si usa spesso per indicare la mancanza di qualcosa di rilevante o di significativo, o per descrivere una cosa, un evento o un oggetto particolarmente insignificante.
Nel parlare comune si usa come equivalente nel significato il termine
niente
che nell'incerta etimologia dimostra un senso diverso che cerca una maggiore precisione di linguaggio.
Niente infatti viene fatto derivare dal latino ne inde o nec entem o nec gentem (da Wikipedia).